Il sito Pandette.it utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza durante la navigazione.
Cliccando sul pulsante "OK", scorrendo questa pagina, continuando a consultare il sito, accetti l'uso dei cookies.
Per tutti i dettagli, per sapere come negare il consenso o cancellare i cookies in futuro, leggi la "Cookies Policy".

A+ A A-

Il dolo nel falso ideologico

Il reato di falso ideologico integrato dalla attestazione di una circostanza non vera sussiste indipendentemente dalle motivazioni che possono avere spinto l'agente a comportarsi secondo la condotta contestata a titolo di falso.  Infatti, il delitto in questione è connotato da dolo generico, che consiste nella  consapevolezza della "immutatio veri", non  essendo  richiesto l'"animus nocendi vel decipiendi". Pur  non  trattandosi, quindi, di un dolo  in  "re  ipsa", in quanto deve essere provato, si deve escludere il reato  solo quando il falso possa dirsi derivato da una semplice  leggerezza dell'agente (Cass. V. n.3504/13).

 

Logo dello Studio Legale Musumeci sito a Catania e Mascali (CT)
Bocca della Verità

LA.P.E.C.

Laboratorio Permanente Esame e Controesame
 
copertina libro teoria generale del reato

"Teoria generale del Reato"

L'opuscolo offre spunti di riflessione relativamente a quanto il Diritto Penale prevede circa la condotta criminale, con riferimenti precisi alla materialità, all'offensività ed alla soggettività del fatto penalmente rilevante.